82

Scopri tutti i benefici del Massaggio linfodrenante e del metodo Vodder: elimina il gonfiore, combatte la cellulite e rimodella la silhouette.

Massaggio linfodrenante: che cos’è?

Puoi immaginare il massaggio linfodrenante come il migliore amico delle tue gambe.

Il linfodrenaggio è un piacevolissimo massaggio che agisce sulle stazioni linfatiche (i linfonodi) del nostro corpo.

La linfa è un fluido che circola nel sistema linfatico e contiene proteine, lipidi e sostanze rimosse dagli interstizi dei tessuti. Il ruolo della circolazione linfatica è molto importante per l’organismo, in quanto essa provvede al nutrimento delle cellule e all’eliminazione delle sostanze di scarto. Ma non solo. Attraverso la linfa, controlliamo il bilancio idrico generale del nostro organismo, quindi attraverso il sistema linfatico eliminiamo l’acqua che abbiamo accumulato in eccesso a livello dei tessuti

Proprio per questo motivo, il massaggio linfodrenante è il migliore alleato delle tue gambe e dei tuoi glutei: è un metodo veramente efficace contro la cellulite e la ritenzione idrica e riceverlo risulta piacevole e rilassante.

Come funziona il massaggio linfodrenante?

Le manipolazioni del linfodrenaggio aiutano la linfa a scorrere in modo fluido e sbloccano i punti in cui sono presenti ostruzioni, in modo da aiutarla a fluire.

Queste manipoliazioni consistono in una serie di movimenti delicati dal basso verso l’alto che seguono la direzione della circolazione. Ripeto con le manipolazioni, applicando una leggera pressione, per il numero di volte necessario: in questo modo, vado a stimolare la circolazione linfatica e aiuto il tuo corpo ad eliminare le tossine in eccesso. 

Il risultato? La tua pelle sarà liscia ed elastica, la silhouette rimodellata e non sentirai più gonfiore o pesantezza alle gambe.

Il metodo Vodder

Il metodo Vodder, ossia il linfodrenaggio manuale, prende il nome dai coniugi Vodder che lo sperimentarono per la prima volta nel 1932.

Emil Vodder, fisioterapista, notò che i pazienti della moglie Esterid affetti da tonsilliti e sinusiti avevano i linfonodi del collo duri. Pensò così di massaggiare con tocco delicato queste zone e vide che i pazienti ne traevano giovamento. Oggi, grazie a Vodder, sappiamo che manipolare i linfonodi (non dolenti) nel corso di alcune affezioni, aiuta a guarire.

Nasce così il massaggio linfodrenante manuale, praticato per trattare la cellulite e la ritenzione idrica di gambe, glutei e addome.

Durante il trattamento (inserito anche nel mio programma T.A.C.I.S. – Trattamento Anticellulite Intensivo Sanitario), applicherò una leggera pressione sulle zone interessate con tre modalità diverse:

  • Cerchi fermi attraverso le dita appiattite sulla pelle
  • Tocco a pompa, mediante il palmo della mano, utile per gambe, braccia e fianchi
  • Movimenti rotatori ed erogatori attraverso la mano e il polso, seguendo il flusso linfatico col pollice.

Dato che il trattamento prevede la manipolazione di aree delicate come i linfonodi, è sempre bene rivolgersi ad esperti in fisioterapia. La pressione esercitata durante il massaggio (che non prevede l’uso nè di oli, nè creme) non deve essere eccessiva per non lesionare la cute o i capillari.

Il mio consiglio, quindi, è di affidarti sempre a professionisti qualificati e adeguatamente formati.

Massaggio linfodrenante manuale e Cellulite

La cellulite: ecco come nasce

L’80% delle donne soffre di questo problema, caratterizzato dalla degenerazione dei tessuti adiposi sottocutanei che può portare al danneggiamento delle pareti dei capillari.

Questa patologia porta a un ristagno dei liquidi che, bloccati all’interno dei tessuti, creano l’antiestetico effetto della pelle “a buccia d’arancia”.

I diversi cicli ormonali della donna (ovulazione, gravidanza, menopausa) portano a un ridotto ritorno venoso e a una conseguente cattiva ossigenazione dei tessuti. Questo quadro, insieme a una ridotta circolazione linfatica, determina la comparsa della cellulite.

Cosa fare dopo il massaggio linfodrenante?

Con alcuni semplici accorgimenti, puoi potenziare l’effetto del linfodrenaggio dopo il trattamento. 

Ti consiglio di:

  • Bere molta acqua
  • Seguire una dieta equilibrata
  • Fare una regolare attività fisica

Ci sono degli sport che aiutano il linfodrenaggio?

Le attività sportive che aiutano a combattere la ritenzione idrica sono:

  • Nuoto
  • Camminata veloce
  • Fitness in acqua

Vuoi combattere la cellulite in modo efficace e rapido?
Il linfodrenaggio ti dà risultati visibili già dalle prime sedute.